La Ducea dell'ammiraglio H. Nelson

Visitiamo, insieme, i monumenti di Bronte

Le foto di Bronte, insieme

Ti trovi in:  Home-> Monumenti-> Ducea Nelson

Il Castello

IL CASTELLO - CHIESA DI SANTA MARIA - ABBAZIA - MUSEO NELSON - MUSEO DI SCULTURA - L'OBELISCO

Il complesso denominato Ducea Nelson, si trova a circa 13 chilometri da Bronte, ubicato su un terreno pianeggiante di fondo valle sulla riva sinistra del torrente Saraceno.

Comprende l'ala gentilizia, un tempo residenza dei Nelson (impropriamente detta il Castello) oggi trasformata in Museo, i resti dell’antica abbazia benedettina dedicata a Maria Santissima, fatta costruire da Guglielmo II° il Buono, la chiesetta di Santa Maria di Maniace ed un grande lussureggiante parco.

Sorse intorno al 1173, probabilmente sulle rovine di una preesistente costruzione basiliana, per volontà della Regina Margherita, per durevole memoria della battaglia vinta da Giorgio Maniace contro i Saraceni.

Come si usava all’epoca, il monastero venne dotato di castello o torre difensiva. Guglielmo di Blois fu il primo abate del monastero.

L’abbazia, in virtù dei privilegi concessi, aveva rendite ragguardevoli e, come tutti i feudi, contribuiva alle spese della Regia Curia. Molti i monaci, e di diverso Ordine, che lo abitarono nel corso dei secoli.

Nei secoli successivi alla fondazione conobbe però periodi difficili: venne ridotta in uno stato miserevole dai "commedatari" (l’ultimo abate "commendatario" fu il cardinale Rodrigo Borgia, il futuro papa Alessandro VI, "di nefanda ed infausta memoria"), ne furono dilapidati i patrimoni e lo stato malsano dei luoghi accelerò notevolmente lo spopolamento delle campagne circostanti.

Alla fine del XV secolo l’abbazia, con i suoi vasti terreni, divenne proprietà dell'Ospedale Grande e Nuovo di Palermo i cui rettori (i "pii rettori", secondo lo storico B. Radice) dal 1491 al 1799 (quando l'Abbazia e Bronte furono donati ad Orazio Nelson), con disinteresse, ingordigia e un'incre­dibile rapacità condizionarono per secoli la vita dei brontesi generando una lite che si trascinerà, con alterne fortune per il Comune, fino alla metà del 900.

Fra le migliaia di carte e documenti dell'Archivio storico Nelson, un analitico inventario del gen­naio del 1608 elencava in modo minuzioso i beni e le ricche suppellettili della chiesa di Santa Ma­ria, della sacrestia, della "cocina" e della dispen­sa del Monastero: il dormitorio dei monaci era costituito da sette camere con due letti per ognu­no, solo una ne aveva tre con «tri matarazi, dui vecchi e oni mediocre» (nella foto a destra lo scarno inventario dei "beni" della Quarta Camera).

Il terremoto che l’11 Gennaio 1693 colpì la Sicilia Orientale, abbatté anche molte parti del monastero. Il sisma colpì specialmente le strutture poste ad oriente e fece rovinare la grande torre di difesa adiacente l’abside della chiesa, abbattendo altre parti già fatiscenti.

I padri basiliani, che in quel periodo reggevano il monastero, furono costretti ad abbandonarlo ed a trasferirsi a Bronte (ospitati nella chiesa di San Blandano, con la facoltà di fabbricarvi intorno anche un piccolo monastero).

Nei nuovi locali i monaci benedettini trasporta­rono i loro oggetti di culto, le loro reliquie e continuarono a chiamarsi di "Santa Maria di Maniace" (l’ultimo loro abate fu fra Giacomo Cimbali nel 1900-1904).

Nel 1799 l'antica Abbazia di Santa Maria di Maniace fu donata all’Ammiraglio Horatio Nelson da Ferdinando III in premio della soffocata repubblica partenopea.

Ducea Nelson, vista generaleOggi dell’antico insediamento benedettino rimangono il Castello Nelson (con il relativo Museo, il giardino e il Parco), i resti della vecchia abbazia e la Chiesa di Santa Maria di Maniace.

Il complesso edilizio è diventato proprietà del Comune di Bronte dal 4 Settembre 1981; è stato recentemente ristrutturato ed una parte adibita a museo (gli appartamenti del Duca) e come centro di studi e di congressi (gli antichi granai).

Lo schema planimetrico attuale è il risultato finale dell’opera di insediamento permanente dei Nelson, succedutesi dal 1799 al 1981.

La ristrutturazione, la  trasformazione e l'ampliamento dell’antica abbazia in una sontuosa residenza signorile fu iniziata già da Horatio Nelson, (ne affidò l'incarico al suo primo amministratore, il giardiniere Andrea Graefer) che però non ebbe il tempo nè la fortuna di mettere piedi nei possedimenti siciliani e di abitare a Bronte.

I suoi eredi, invece, ed i loro vari ammini­stratori, abitavano stabilmente fino a pochi decenni fà gli appartamenti ora trasformati in Museo (la prima fu Charlotte Nelson-Bridport, figlia del rev. William fratello dell'Ammiraglio, sposata a Samuel Hood, visconte di Bridport).

La Ducea Nelson dall'altoIl complesso della Ducea è articolato su pianta anulare a perimetro quadrangolare con edifici con una e due elevazioni, allineati lungo i fronti perimetrali, che si affacciano sulla campa­gna, sul lussureggiante parco e sui due cortili interni a pianta rettangolare.

L’insieme nella sua semplicità ha un aspetto maestoso. Per due cancellate si accede al porticato d’ingresso e quindi ad un primo cortile dove è ubicata la croce in pietra lavica eretta in memoria di Orazio Nelson.

Lateralmente, a destra, si accede alla interes­sante chiesa tardo-normanna di Santa Maria ed al cortile quadrato con pozzo in pietra lavica, intorno al quale originariamente erano raccolti i piccoli laboratori, i magazzini, le stalle, il granaio. Sulla sinistra, al piano sopraelevato, erano gli appartamenti signorili dei Nelson, ora adibiti a museo.

All’esterno del complesso sono visibili i resti di due torrette facenti parte del sistema difen­sivo dell’abbazia.

Un grande parco, che si estende all'interno e all'esterno per circa quattro ettari, arricchisce il Castello.

Con accesso dal primo cortile è possibile visitare il giardino inglese, voluto dai Nelson. Si estende per circa cinquemila metri quadrati ed è caratterizzato dalla presenza di secolari piante nostrane ed esotiche (cipressi, palme, salici, frassini, ippocastani, magnolie), da un verde prato inglese contornato da glicini, rose e fiori e piante varie. I giardini sono stati ricreati con molta cura, con un formale labirinto e una vecchissima, enorme magnolia che è certamente l’orgoglio del luogo.

All'esterno, di fronte all’ingresso della Ducea, si estende un lussureggiante parco, diviso da un viale centrale che, in mezzo ai maestosi platani e agli eucaliptos, ospita un museo all’aperto di sculture in pietra lavica con opere di artisti di fama mondiale. Il parco-museo è aperto al pubblico ed è meta interessata di visite da parte di studiosi, scola­resche, operatori culturali e turisti.

Nel parco si vedono ancora i resti del borgo contadino, denominato "Borgo Caracciolo" costruito dal 1941 al 1944 dallo stato italiano (la Ducea era stata sequestrata) e successivamente demolito nel 1964 dalle ruspe degli eredi Nelson.
 


La Ducea vista dal satellite: (1) Ingresso; (2) Chiesa di Santa Maria; (3) Resti dell'abside della chiesa; (4) Museo Nelson; (5) Croce celtica in onore di H. Nelson; (6) Giardino inglese, voluto da Nelson; (7) Resti del Borgo Caracciolo; (8) Parco esterno con Museo di sculture in pietra lavica; (9) Torrente Saracena; (10) Antico granaio oggi trasformato in sala convegni.

Nelle tre foto a destra, la croce celtica innalzata nel  primo cortile interno del Castello (5) in onore dell'ammiraglio Nelson "Heroi immortali Nili"; le stanze sopra il piccolo chiostro antistante la Chiesa di Santa Maria (2), un tem­po adibite a cucine e  sala da pranzo ed uno dei torrioni, dal lato del torrente Saracena (9) che un tempo facevano parte del sistema di fortificazione del­l'an­tica abbazia.


I leoni di marmo a guardia della porta che immette nel giardino inglese (6) portano gli stemmi degli Hood-Bridport (un uccello marino von le zampe appoggiate ad una gomena ed un'ancora) e dei Parra­vicini (il cigno), casato questo cui appar­teneva la moglie dell'ultimo Duca Alexander.

 

Cenni storici su: Horatio Nelson | Abbazia Maniace

 

 

RICERCA NEL SITO

RICERCA PERSONALIZZATA


 

LA DUCEA DI HORATIO NELSON


Visualizza su Google Maps
 

Nella foto sopra, in primo pia­no, le finestre degli antichi appartamenti ducali si affacciano sul de­lizioso giardino interno. Nelle foto sotto, si notano i due ampi cortili interni; in quello di destra, al centro, è posta la croce celtica dedicata a Nel­son. Quello di sinistra è racchiuso dalla parete della chiesa di Santa Maria e (sulla sinistra) dagli antichi granai oggi trasformati in una sala convegni.

«Il castello, chiamiamolo anche noi così, sembra una rustica villa regale, corcata fra i fiori e il verde del giardino e l’ombra invadente dei tigli e dei salici, che adornano l’atrio e i viali.

La mente, risalendo coi secoli, ricorda or con pietà, or con orrore la vita dei primi monaci abitatori, le vicende tempestose dei seco­li XIII, XIV, le congiure, e le glorie dei figli del grande Patriarca San Benedetto.
Vi regna ancora un religioso silenzio, interrotto solo dallo abbai­are e uggiolare dei cani, o da voci imperiose e sommesse.
Quel­la chiesa, muta, raccolta, piena di ombre e di misteri; quelle mu­ra, che natura riveste d’eterno verde, infondono nell’anima qual­che cosa di poetico, di solenne, di austero che lasciano nel visitatore un senso di nostalgia.» (B. Radice)

Ingresso Ducea nelson

Veduta generale della Ducea

L'ingresso alla Ducea Nelson e (sopra) una veduta generale dal tor­rente Saracena. Il termine "castello" può trarre in inganno il visi­ta­tore in quanto si tratta di palazzo settecentesco con un solenne por­tico coperto che porta ad un cortile che è il centro del comples­so su cui troneggia una croce basaltica di stile celtico.
E' questo l'unico ricordo in onore dell'ammiraglio Nelson, alla base si legge: "Eroi immortali nili" (all'eroe immortale del Nilo).

Nelle due foto a sinistra due vedute aeree del "Castello Nelson" (foto G. Basile).

L'ingresso al giardino (l'orto botanico del Duca) con le finestre degli appartamenti signorili


Il parco antistante il Castello ospita un inte­res­san­te Museo di scul­ture in pietra lavica con opere di scul­tori di livello internazio­na­le; di fronte all'in­gres­so, nascosti fra la fit­ta vegeta­zione si scor­gono anche i resti di quel che fu il Borgo Fran­ce­sco Caracciolo voluto da Mussolini.


Il portale di S. Maria: Sculture medioevali a Bronte

I sette duchi di Bronte  -  The Duchy of Bronte
 Gli amministratori della Ducea Il patrimonio archeologico

 Escursioni dal Castello Nelson - Spazi, orari e visite al Castello


 
Mappa dei luoghi - 137 Kb  -  41'' a 56,6 K I Monumenti di Bronte

IL CASTELLO | CHIESA DI SANTA MARIA | ABBAZIA | MUSEO NELSON | MUSEO DI SCULTURA | L'OBELISCO

  

HOME PAGEPowered by Associazione Bronte Insieme / Riproduzione riservata anche parziale - Ultimo agg.to: 10-2016