Home

Archeologia lessicale

Tutto sulla Citt di Bronte

Tradizioni brontesi

Ti trovi in:  Home-> Tradizioni-> Vocabolario brontese-> [I / J]
 

Archeologia Lessicale

Vocabolario popolare brontese

da un'idea di Nicola Lupo, a cura di Nino Liuzzo

A B C D E F G H I-J L M N O P Q R S T U V Z

I/J


 

I = art. det. m. e f. pl. | Lart. i invariabile e vale sia per il genere maschile che per il femminile (i limuni, i scappi, i pira, i fica, i crapi, i mnduri, i mscuri e i fmmini) | Molto spesso nel parlare in dialetto alcune parole perdono la "I" iniziale (es. Mparari, Mbarazzu, Mbutu, Ncaccari, Lluminatu ); potrete trovare elencati questi vocaboli nelle relative consonanti iniziali (M, N, L, ...).

I = io | I' non f!

I = di | I coszi 'i rilla (le cose di lei).

Jamunndi = andiamocene (da Jirisndi, andarsene) | Ci sono anche i vocaboli amunndi o jimminnndi (andiamo, andiamocene) e jtivindi (andatevene).

Janchiri = imbiancare, tingere, diventare bianco | Janchiari a murammi, janchjri pu scantu.

Jancaturi = imbianchino ed anche linsolvente che runa un coppu i punzellu ai suoi debiti cancellandoli definitivamente. Scrviri nd muru e cancllari ccu curu, si dice quando si prestano soldi.

Jancu = bianco | Janchinuszu, biancastro | Jancu anche il soprannome (nghjria) di famiglie brontesi.

Jvuru (o Rivuru) = diavolo (v. Rivuru).

Jzzu (dal latino jacere o addiaccio, giaciglio) = letto rudimentale, giaciglio costruito con rami, frasche e foglie (M. R.) | Luogo di raccolta del letame ('a grasciura), lasciato a fermentare per poi essere utilizzato quale concime agricolo.

Jccari (o Ittari) = gettare | Jecca sangu! | L'apparecchiu miricanu jecca bumbi e sindi v!

Jmmiti o Jmbitu (dal latino gelima) = mannello di spighe. Pi mannelli di spighe affastellati utilizzando 'a ligmmi componevano il covone ('a gregna). Venti gregni formavano un mazzuni, cinquanta mazzuni un migghjaru.

Jencu (da giovenco) = vitello. (A. F.) | (vedi bb)

Jnniru (o Jnnaru) = genero | Me jnniru un bravu cristinu (mio genero una brava persona) | Nora la nuora e sapete tutti che   sggira e nora (sunu) gatta e cagnra.


 

Aforismi e modi di dire

VOCABOLARIO BRONTESE

Vers. 8.0 (11/2023), 223 pagg., 3.610 Kb

 




'U jencu

 

Jttitu = discarica, immondezzaio | Ed anche germoglio ed accrescimento (fari un bellu jttitu) | Subito dopo la guerra (nel 1943/44) le due discariche (i jttiti) per portarvi le macerie dei bombardamenti erano in viale Catania (o Tundu, dove oggi c la villa comunale) e in via Mongibello (o Stazzni, alle spalle del Mercato coperto).

Illa, illu, illi (dal lat. illa, illu(m), illi ) = essa, egli, essi | Vatri = voi, voialtri, natri = noi, noialtri | Da notare che le due frasi Illu est ( lui), illa bbona est (lei buona), ed altre consimili, ricalcano perfettamente le antiche corrispondenti frasi latine | Da notare anche che, a differenza del brontese, nel dialetto siciliano illu/illa/illi diventano iddu/idda/iddi. Il dialetto brontese, infatti, leggiamo nel sito Il vento e il sole pur avendo ricevuto nel corso del tempo un sostanziale apporto siciliano, conserva tuttora un certo numero di tratti che rivelano il legame con le comunit gallo-italiche della Sicilia, quali il rifiuto del passaggio LL=/DD.

Jimbu o jumbu (dal latino medievale gumbus) = gobba, schiena, dorso | Criti 'u jimbu e ccmpa i frstuchi (abbassati e raccogli i pistacchi da terra) | A pisciaczza 'n menzu a la via non si guaddava 'u jimbu chavva.

Jimburutu = persona con la gobba.

Jimnta (dal fr. jument) = giumenta, cavalla.

Jmmucci = andiamoci (dal verbo jri) | Jmmuru a ttruvari (andiamo a trovarlo) | ticci vatri (andateci voi), Itivndi (andatevene), Amunndi (andiamo) | Cci jmmu a Marettu? Amunndi, jmmucci!

A pisciaczza
'n menzu a la via
non si guaddava
' jimbu chavva

nchiri (dallo sp. Henchir) = riempire (vedi Rnchjri).

Inestrastta (o meglio A strasatta) = (locuz. latina pervenutaci storpiata in extra acta): fuori dalle cose, allimprovviso, inaspettatamente (M. R.) | Traszivu a strasatta e u fici scantari (sono entrato allimprovviso e lo fatto spaventare)

Jinizza (dal fr. gnisse, giovenca) = vitella di due anni, una via di mezzo in base all'et tra 'a vitella e 'a vacca.

Jinnaru = Gennaio | Su questo mese si dice a Jinnaru puta paru; Jinnaru menzu ruci e menzu amaru.

Jincchiu = ginocchio.

In prmis = prima di ogni cosa. E una locuz. latina ma diventata comune nel parlare brontese | In primis statti mutu, in secundis scuta sempri a mmia.

Intra (dal lat. intra ) = dentro, entro | Qualche frase brontese: Traszi intra chi cc friddu!; intra dd jonna niscimmu u vinu; o intra o fora! (o fidanzate o niente, si diceva un tempo alle figlie); intra e ffora (al contrario) cio o ruvessu (al rovescio): mintrisi a mgghja intra e ffora | Altri avverbi di luogo sono fora, supra o suszu, sutta o juszu, arretu, ravanti, vicinu.

Invria = invidia | Mgghju nviria cchi piet.

Jocu = gioco | Jocufcu = (lett. gioco-fuoco) fuochi pirotecnici (non potevano mai mancare 'i ssicutafmmini, a rrota pazza e, in chiusura, a maschittaria). 'U bumbarru era colui che li preparava e gestiva.

Jonnu (al pl. Jonna) = giorno | Fari jonnu (albeggiare), jonnu pi jonnu (tutti i giorni, praticamente sempre); jonna ri cmmaru, giorni nei quali si pu mangiare carne | Di qualcuno si dice che ri jonnu viu undi vgghju e a sira spaddu lgghju, nei tempi normali, giusti, non fa mai niente ma poi si affanna (ci mttunu i frusparelli nd curu) a fare tutto in tempi ristretti.

Jri (dal latino ire) = andare | Il verbo andare in brontese usa forme derivate dai due verbi latini ire e vadere: I viu, tu vai, illu va, natri jmmu, vatri jti, illi vanu | Pass. rem.: Iu ii, tu jsti, illu u, natri jimmu, vatri jistivu, illi jinu | Alcune frasi o modi dire: Jri a fungi o a sparacogni; fari jri (sciupare: e fattu jri un litru r'gghju); jendu vinendu (col passare del tempo); sindi a ... ( andato a ...); ma undi sta jendu? (ma dove stai andando?); non tindi jri (non andartene); ma undi avi jutu? (ma dove eri andato?); ma rundi veni? (ma da dove vieni?); lassa jri (passaci su, lascia fare); ma non ti lassari jri ccuss (non abbatterti, non essere trasandato); Oj mi 'ndi vajiu (o mind jri) o locu (oggi vado (o devo andare) in campagna, nel pistacchieto). V. anche alcune peculiarit del dialetto brontese.

Jirisndi = andarsene (anche nel senso di lasciare questa terra) | Amunindi (jimminnindi) = andiamo, andiamocene; jitivindi (andatevene); Jrisndi suppiri suppiri, andarsene (allaltro mondo) piano piano, lentamente.

Jiritru = ditale.

Jiritellu = ditino.

Ĵritu (dal latino digitus e per metastasi giditu) = dito delle mani o dei piedi (plur. ĵrita). (L'ho scritto con la j per rispetto dell'etimo in cui compare la g.) (nl) | Pigghjrisi 'u ĵritu ccu tutta manu (abusare, approfittare della bont o della pazienza altrui).

Jsari (dal fr. hisser o dallo sp. izar) = alzare, issare | Isari i mani (dare botte), 'a vuci (gridare), i peri (affrettarsi), 'i catti (dividere il mazzo) | Al rifl. (Jsrisi, alzarsi) prende anche il significato di avere rapporti sessuali (jsrisi 'a una).

Jissu = gesso.

JRI
I viu,
tu vai,
illu va,
natri jmmu,
vatri jti,
illi vanu



'U Jiritru

Jittari (o Jccari) = gettare, buttare ma anche germogliare | Qualche frase: Jttrisi o passu (diventar brigante), o Bazu a Cntira (suicidarsi), ri fora (traboccare), cu ll'utri (a dirotto), troppu atu (pretendere molto), ncollu (addosso); jiccari santiuni, prita, na mara famma | Jcca virenu! o, meglio, Jtta sangu! (come dire vai al diavolo!) | Non ma jittari! (non essermi di malagurio) | Jttnu i nziti? Ma cettu! No virsti chi jttitu chi fcinu?

-Ittu/a = suffisso usato per formare un vezzeggiativo, p. es. patrittu, matritta, suritta, fratittu, figghjittu, muschitta, piritta (piccola pera), billittu, bunittu, picittu (pochino).

Iu = io (l'ego latino) | Pronomi personali: Iu, tu, illu, natri, vatri illi | Iu sugnu! Iu fui! (sono io, sono stato io). Latino, siciliano e brontese, diversamente dallitaliano, amano mettere il verbo alla fine.

Jucari = giocare, scherzare | Chi ti jochi ch ccuss? Ma sta cosza ma vgghju jucari! | E' notorio poi che cu joca suru, mai sincgna anche perch dicono che cu curru suru sempri vinci!

Jucarru (da jucri = giocare ) = l'osso rotondeggiante della caviglia (A. F.) | Anche quello dellagnello che da bambini usavamo appunto per giocare. (nl)

Juncu = Juncus acutu, giunco, erba essiccata petaliforme per fare i maccarruni cu pittuszu (LC) | Intrecciando i suoi fusti i pastori realizzavano contenitori cilindrici per sgrondare la tuma ('i fuscelli); ancora oggi i fusti di giunco che portano l'infiorescenza hanno un altro "alto e nobile" utilizzo: fungono da "anima" attorno alla quale le massaie arrotolano l'impasto di farina che serve per preparare i maccheroni fatti in casa (aL) | L'aforisma Crati jiuncu c passa la china (flettiti giunco fino a quando passa la piena) invita ad essere flessibili nelle avversit per riprendere le proprie posizioni non appena i momenti critici sono passati (L. M.).

Jngiri (o iungri) = verbo con diversi utilizzi e significati quali aggiungere, unire, arrivare, raggiungere | Jungrici un pic' sari! (aggiungervi un p di sale); jngiri ddu pezzi (unire due stoffe) | Si non ci iungi cchiana nd sggia! (se non ci arrivi sali sulla sedia); quandu jungi telfona! (quando arrivi telefona) | Si camni cchi fotti u iungi! (se cammini pi veloce lo raggiungi) | Quantu jungi chi | Nella forma intransitiva, Jungrisi = unirsi.

Jungitna = aggiunta.

Junnta = giornata. E notorio che A matinata fa a junnta | Junnata rutta pddira tutta! | Non mi fari aviri na mara junnata (non darmi un dispiacere).

Junnataru = lavorante a giornata, bracciante agricolo.

Junta = aggiunta, quantit che possono contenere le mani a conca; un di pi | Mi rissi me mamma ma runa 'na junta 'i curalluzzu? | Chi lo sa se "cu cunta ci menti a junta" anche nei moderni social?

Jppurru = scialle di pizzo.

Iuszu (?) = sotto, al piano sottostante (S. P.). Il contrario "suszu" (sopra) | Juszu e suszu sono in genere riferiti ai vari piani delle abitazioni: Scendi juszu! Chinaru suszu! (scendi al piano di sotto, portalo al piano di sopra) | Sutta o supra invece hanno soprattutto valore locale: mntiru sutta u..., o supra 'u... (mettilo sotto il..., o sopra il ...) | 'U sutta la parte della casa sottostante | Suttessupra significa sottosopra, non nel giusto verso.

Juta = andata | A juta e a vinuta = all'andata e al ritorno.

Jutri = aiutare, fare presto, alzare | Jtaru chi si sta llavancndu (aiutalo che sta cadendo); jtati ch taddu (sbrigati che tardi); jtati l gregni e crrica i muri (prendi quei covoni e carica i muli).

Jutari = aiutare, fare presto, alzare | Jtaru chi si sta llavancandu (aiutalo che sta cadendo); jtati ch taddu (sbrigati che tardi); jtati l gregni e crrica i muri (prendi quei sacchi e carica i muli) | Al rifl. (Jutrisi) = aiutarsi, sbrigarsi, caricarsi: Jutrisi ccu mani e ccu pperi (aiutarsi con mani e piedi, fare di tutto per riuscire in qualcosa); jtati chi nni jmmu prestu (sbrigati che andiamo via presto); jtati lu saccu e sduvacmmuru (caricati quel sacco e svuotiamolo).

Iuvu = collare per aratro.

Jva (dal lat. Iba - t) = andava (dal verbo jri).

Jvu = andai (dal verbo jri) | Cc jvu ! (ci andai io) | Cc illa (ci andata lei) | Cci jmmu tutti (ci siamo andati tutti o centriamo tutti) | Cci jiti suru vatri (ci andate solo voi).

  

A B C D E F G H I J L M N O P Q R S T U V Z


Powered by Associazione Bronte Insieme - Riproduzione riservata anche parziale. Tutti i diritti sono riservati agli autori che ne sono unici titolari. E' vietata ogni riproduzione di foto o del testo o di brani di esso senza l'autorizzazione scritta dell'Autore e senza citazione della fonte.  Questo vocabolario aperto a tutti: chiunque, a conoscenza di altre antiche parole o detti brontesi, pu comunicarli a bronteinsieme (@gmail.com) che provveder a inserirli. Potrai intervenire inserendo nuovi etimi o altri vocaboli o frasi interessanti. Anche i ? sono stati volutamente lasciati in attesa di una tua integrazione. Ultimo agg. ottobre 2023