Home

Archeologia lessicale

Tutto sulla Città di Bronte

Tradizioni brontesi

Ti trovi in:  Home-> Tradizioni-> Vocabolario brontese-> [A - B]

Archeologia Lessicale

Antico Vocabolario popolare brontese

da un'idea di Nicola Lupo, a cura di Nino Liuzzo

A B C D E F G H I J L M N O P Q R S T U V Z

Viaggio nel Dialetto Brontese nell’Universo delle Parole attraverso il Tempo e lo Spazio. Parole Antiche che cambiano, che si dimenticano, parole scomparse, che stanno per scomparire, che migrano, di limitata diffusione, che non ritornano più.
parole del popolo. frasi e modi di dire che pochi dicono e conoscono e che, senza alcuna presunzione e a volte sbagliando nel trascriverle o nel darle il giusto significato, vogliamo  raccogliere e tramandare e far conoscere a tutti.

«Un Vocabolario, massime di dialetto, non può dirsi mai completo affatto, nè può riuscire scevro di errori o difetto alcuno; se non altro, vengono appioppati all'autore gli errori di stampa: e poichè basta un errore a rendere dannoso, come basta un difetto a render vano il fine di tanto sgobbo, così io non resto dal pregare chiunque sarà per rinvenirvi errore o difetto, invece di rimanersi in infecondo silenzio, che voglia anzi essere tanto generoso da indicarmelo, acciò altra fiata venga corretto. Infine debbo io sempre rendere le maggiori grazie che per me si possano ai nuovi e vecchi amici tutti che mi hanno sovvenuto del loro ingegno.»

(Antonino Traina, Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, Palermo 1868)


 

A


‘A
: articolo determinativo femm, sing, = la | 'A cucuzza.

A’ = alla, nel | Chistu raccìru a illu (questo dallo a lui) | Tè! Potticcìru a' zza Nonzia! Natri ndì virìmmu a' chiazza! (tieni! Portalo alla zia Nunzia! Noi ci vediamo in piazza!) | Ed anche vocativo o troncatura di Alfio: “Sebbenerìca zzù A'’” (mi benedica, buon giorno, zio Alfio); A' veni ccà (Alfio vieni qua).

Abbèntu (dal lat. adventus) = abento, quiete, riposo. Nella frase: “Non havi abbentu” = non ha riposo, cioè è ansioso o irrequieto.

Abbìri a… = per colpa di…, a causa di... | Abbìri a illu m'appi a ccattari natru sicchiu!

Abbìriu = vivo dispiacere, collera, dispiacere.

Accammòra (o accommòra) = a quest’ora | Accammora luvànu manu (a quest’ora hanno smesso di lavorare) | Piccammòra = per ora (avverbio). Piccammora luvàmmu manu, pò virìmmu camm'a fari (per ora smettiamo di lavorare, poi vediamo cosa fare).

Aàcchia = suono onomatopeico che serviva ad incitare il proprio quadrupede a essere un pò più veloce | Altri termini fonosimbolici: muuscit muuscit! (per richiamare l'attenzione del gatto), Kisssi kisssi! (per cacciarlo); ci ci cì... oppure pìu pìu pìu… (richiamo per galline e pulcini), sciò, sciò, sciò … (per cacciarle); chja-chja (o chiri-chiri), modo di chiamare i maiali).

Acchindèssiri = per forza, ad ogni costo, obbligatoriamente (Ma tu acchindèssiri ci 'a jri? Cu t'ordinà 'u dutturi?) | Un avverbio che è una parola quasi poetica, musica per le orecchie, a nostro avviso una delle più belle della parlata brontese.

Àccia (dal lat. “apium” = “appio”) = sedano (in fr. ache).

Accrìssi (da ecclisse?) = disastro.

Accucciari = accostare il carbone e anche accucciàrisi, tenersi abbracciati come a confortarsi. (LC)

Accu 'i Novè = (arco di Noè) arcobaleno. (L. M.)






Aforismi e modi di dire


 

Vocabolario brontese

Vers. 3.1 in
169 pagg., 5327 KB


Il dialetto di Bronte nella cultura dell'Isola di ieri e oggi

di È. Longhitano

Leggi il libro in formato PDF

 

Accumpagnamèntu = accompagnamento (al cimitero) | Per un'antica tradizione, ormai scomparsa, al termine di un funerale la salma era accompagnata in corteo lungo il corso principale ('a chiazza) fino allo Scialandro (o Tundu) dove ancora una volta era benedetta. Il corteo preceduto dai preti e composto da soli uomini, con le campane di ogni chiesa che al passaggio del defunto suonavano a morto, si scioglieva allo Scialandro e i partecipanti si avviavano a casa del defunto per sfilare davanti ai familiari maschi schierati e stringere la mano a ciascuno (L. M.) | Poi seguivano i canonici tri jonna ri vìszitu; l'abbigliamento nero nel periodo del lutto (integrale per le donne mentre gli uomini potevano limitarsi ad una striscia nera sul bavero della giacca) durava sei anni per la morte del coniuge, quattro per il genitore o il figlio, sei mesi per gli zii | L'origine della cartella (il “fiore che non marcisce”) è recente: è stata un'idea geniale di Padre Antonino Marcantonio per finanziare la costruzione dell'ospizio dei vecchi.

Accura! = attento! | Stari accura, stare in attenzione, in guardia, badare (staccurari) | “St’accura e màchini!” (sta attento alle auto!) | Staccùra o' nonnu chè suddu (bada, stai attento al nonno che è sordo).

Accussì (o ccussì) = così.

Acitu = Aceto. A mia mi pari chi Affiu fa fiavuru r'acitu (a me sembra che Alfio stia deviando dalla retta via).

Acquarella = acquetta, liquido contenuto in bolle o vescicole cutanee | Ciàiu un cocciu chjnu chjnu r'acquarella. Mu scassi?

Acquaròru = chi porta o vende acqua e ghiaccio (M. R.) | Il tizio incaricato di portare acqua da bere ai braccianti che lavoravano nei campi (il vino no! costava troppo...).

Acquazzina = brina, rugiada.

Addarìlla (?) = tipo cresciuto da solo (A. Car.) | I' non ci cuppu! Cascà addarillu! (Io non ho colpa, è caduto da solo).

Addaùra = dal latino “ad horam” = entro un’ora, presto (es. prima del tramonto) (M. R.)

Addènza (più utilizzato oddenza) = attenzionare, servire qualcuno, dare ascolto | Racci addenza ‘o figghju! | I’ parru ma tu non mi runi oddenza ...

Àddiri = bruciare, ardere | Ormai lo sanno tutti che 'i mi mangiu 'a cipulla e a ttia ti àddunu l'occhi!

Addrìtta = in piedi.

Addunàrisi (dallo spagnolo adonarse) = accorgersi (v. ddunàrisi) | Va ddùnati o locu e viri commu su i frastuchi! | Ti nni dunasti? veru? (Te ne sei accorto? Vero?)

Àgghiu = aglio. Resta sempre famoso e, da qualcuno, sempre ricercato l'«àgghju pi rutari», ma forse a volte è più utile "fàrisi carari l'agghj", diminuire le pretese, essere un pò più umili. A qualcun'altro un consiglio: cunfòttati cu stu spicchiu r'agghju!

A’ grara ‘e pisci = pescheria. Era chiamata così la prima pescheria di Bronte che si trovava in via Scafiti e dove si servivano i clienti, che stavano all’esterno, attraverso la grata della finestra. All'epoca era un vigile urbano ('u mastru 'a chiazza) a stabilire ogni mattina il prezzo del pesce ('a meta 'o pisci).

Aghitànu = Gaetano. Una curiosa storietta del mio tempo: Gaetano Di Bella, ragazzino della prima elementare, richiesto dal maestro di fare l’esempio di un nome che cominciasse con la “a”, rispose pronto e sicuro: “Aghitanu, signor maestro!”. (nl)

Agniriccà = verso questa parte, intorno. Modo avverbiale composto da aggìri verso + kka (qua) = farsi più vicino. (S.T.) | No stari luntanu, veni agniriccà! | Aggnirillà (verso quella parte), Aggnirillòcu (costì).

Via Scafiti

«'A grara ‘e pisci», ccussì è ancora chiamata 'a ruga ri via Scafiti

Aguannu = quest'anno | Annatrànnu (l'anno venturo); oggellànnu (l'anno scorso); duannòra o triannòra  (due o tre anni fà).

A gunìa = (l’agonia) era pia usanza nel paese che, quando una persona era in agonia, la campana della chiesa di san Giovanni ne desse l’annunzio con rintocchi diradati. La gente s’informava chi fosse il moribondo - era un passa-parola - e al rintocco della campana si sussurrava una preghiera. Erano altri tempi, meno frenetici, quando l’intera comunità partecipava ai momenti cruciali che il singolo viveva. (L. M.)

Aiutàrisi = aiutarsi, sbrigarsi | Aiutàrisi ccu mani e ccu pperi (aiutarsi con mani e piedi, fare di tutto per riuscire in qualcosa) | Aiùtati chi nni jmmu prestu (sbrigati che andiamo via presto).

Ajeri = ieri | Avanti ra jeri (avanti ieri, l'altro ieri) | Rumani (domani) | Appressu rumani (dopo domani).

A llatu: accanto. Dal latino ad latus (vicino al fianco). (N. R.) .) | Tu sèttiti allatu a mmia e statti mutu!

Allàuru = alloro.

Allavia = più in la | Fatti allavia chi stammu cchiù lagghi.

Alleggiu = adagio, piano piano, passupassu | Vacci allèggiu chi scìllichi!

Allunu = ciascuno, ognuno | Non vi ffullati, ata bbìviri 'na vota allunu.

Allura = quindi, allora | Ma allura camm'a ffari? Ma quandu fù? Allura!

Amàri = amare o pl. di amaro. La frase “ama a Diu e futti o proscimu” bolla chi ipocritamente è devoto, ma in pratica è un profittatore.

Ambàtura, Ammatura (dall'arabo) = nonostante, invano | Ambàtura t'affanni e fai cannora, 'u santu è ri màmmuru e non sura. (V. anche 'mbatura) |(V. anche 'mbàtura).

Amma = anima, arma, dobbiamo (verbo) | A sant’amma (la buonanima). E’ risaputo da tutti che un giorno si darà l’amma a Diu e ‘a robba a ccu veni | Amm’ a ffari prestu (dobbiamo sbrigarci).

Ammarellu = piccolo animale | Come aggettivo è usato in segno di compassione o di compatimento nei riguardi di qualsiasi animale | Oh! Ammarellu! racci a mangiari a stu cani.

Ammaru = animale.

Ammuàrru (dal fr. armoire) = armadio con specchio per abiti (LC).

Ammuccàri (molto più usato mbuccàri) = inghiottire.

Ammucciùni (dall'arabo) = di nascosto (da ‘mmucciari, nascondere) | Rammi a ffari ammucciùni, cussì no sapi nullu! | Tu mmùcciati llà chi non ti viri nullu!

Amunìndi = andiamo, andiamocene | Carà! Carù! Amunindi! = allora, ragazzi andiamocene! | Jirisìndi = andar­sene | Jìtivindi (andatevene).

Amùri = frutti del Rovo molto ricercati per uso alimentare. (aL)

Ànchiu (dallo spagnolo ancho, ampio) = gonfio, tronfio, borioso.

Ancìnu = arnese in ferro ricurvo con manico in legno, in forma di grossa falce, che insieme ’a fuccìna serviva ad agevolare la formazione dei covoni, in modo da poterli legare in fascio più facilmente. (L. M.)


Amuri a tinghitè 'ndè campagni ri Bronti

Angilla = anguilla. L'ho scritta in questo modo strano perchè davanti a questo termine andrebbe l'articolo 'a, quindi, per evitare le due "a" se ne elimina una. (nl)

Angiòva (dal fr. “anchois” o dall’ingl. anchovy o dallo spagnolo anjova) = acciuga o acciughe, alici o, anche, mascurini.

Angirina = Angelina.

Ancurìnu (?) = fittaiolo, inquilino. Con questo termine un tempo si indicavano i numerosi fittavoli sparsi nei grossi appezzamenti terrieri. Nel mio terreno in contrada Placa, la suddivisione delle zone di lavoro porta ancora il nome dei vecchi inquilini : "Oggi cugghjmmu ndì Rècimu (Decimo) e rumani ndì Ddorìu e ndì Patrittu" (M.G.P.).

Annu = anno | «Ann'àtr'annu = il prossimo anno (V. S.) | Oggell'annu (l'anno scorso) | St'annu o aguannu (quest'anno) | Mmucciàrisi l'anni (nascondere la propria età).

Annunca, ’nnunca = invece, allora (L. M.) | Altrimenti, se no, dunque, appunto (ironico) | Annunca? Ci ammu a jri? (allora? dobbiamo andarci?); o ci jmmu ‘nsemi annunca non ci vegnu (o ci andiamo insieme o altrimenti non ci vengo).

A 'ntrasàtta (?) = all'improvviso, senza preavviso | Aoh! Ma commu traszisti? A 'ntrasatta? Mi facìsti scantari.

Antu = contadino sul posto di lavoro | Luogo del lavoro.

Antùra (dal latino ante horam, prima di un’ora) = poco fa (avv. di tempo). (M. R.) | Altri avverbi di tempo: Apò, po’, primma, ddoppu, ajèri, avanti ra jeri, rumani, assira, stasira ...

Anturìtta = pochissimo tempo fa, proprio ora (aL)

Anuru (ed anche nuru) = nudo | Nuru e cruru!

Anzarori = azzeruole.

Apèttu, pl. apetti = aperto.

Apò = dopo, in un tempo imprecisato successivo | Apò ma cunti! Pò tu ricu!

Apparecchiu = aereo | Una filastrocca dell'Agosto 1943: L'apparecchiu miricanu jecca i bumbi e sin di và! (vedi)

Appressu = dopo, in seguito | V'avanti tu ch'i vegnu appress’a ttia.

Apprimma = un tempo, una volta.

Àpuru = vuoto, non fecondato (riferito ad un uovo, dal guscio molle).

A qquandu a qquandu = Per una volta che… | Acquandu acquandu fici ‘u battiari mancu ‘a gallina si potti dubbàri.

Ara, aru = suffisso usato per denominare una pianta e distinguerla dal suo frutto: ciraszara, ficara, frastucara, piraru, pissicara, pumaru, orivara, rusara ....

Aràngi = arance.

Aria = aria ma anche aia.

Armenti = gregge, mandria (LC).

Arrancari (dal tedesco rank) = muoversi con affanno (LC).

Arrassàri (dall’arabo ‘arasa) = allontanare.

«Le parole del nostro dialetto costituiscono un uni­verso particolar­mente complicato ma al tempo stesso ricco, varie­gato, cangiante come un siste­ma stellare e come le stelle le parole hanno una storia.

Esse possono moltiplicarsi, prolife­rare, assumere le più diverse colori­ture, avere storie intricate e im­pre­ve­di­bili, in quanto sono state usate, ria­dat­ta­te, tra­sfor­ma­te.

Esse posso­no anche morire dopo un lungo e tal­vol­ta lun­ghis­simo pe­riodo di progres­sivo inde­bo­li­men­to, pos­sono anche mi­gra­re; infatti mol­tis­sime pa­ro­le del no­stro vo­ca­bolario sono arri­va­te a Bron­te dopo un lun­go viaggio e qui hanno trovato talvol­ta buo­na ac­co­glien­za, altre volte una forte op­po­sizio­ne da par­te di parole “anta­go­niste” che ne hanno ar­gina­to l’espan­sione.

Durante queste migrazioni queste parole hanno as­sun­to spesso forme tanto strane da apparire alla fine del viaggio quasi irriconoscibili. Altre volte hanno cambiato il loro signi­ficato, adat­tan­do­si ai nuovi ambienti e alla nuova cultura.

Le parole infine possono avere un loro territorio, un loro habitat ed è possibile seguirne i movimenti sul terreno oltre che le trasformazioni.»
Èlia Longhitano

Arrèri (dal fr. arriere) = dopo, di nuovo, di dietro o addietro (avv.) | Nnàcati! Non rristari nd'arreri! (non restare indietro) | Un modo di dire: 'Na manu r'avanti e una r'arrèri e ndo menzu San Michèri.

Arretu = indietro (avv.).

Arringu = di seguito, uno dopo l'altro senza scegliere | Ra ccampari arringu (i mènduri) | Ra pigghjari arringu (a caso, senza scegliere).

Assira = ieri sera | Stasìra (questa sera) | Rumani sira (domani sera).

Astrattu = concentrato di pomodoro.

Ástricu (dal latino astrum) = terrazzo.

A tinchitè = a iosa, a volontà (A. F.). “Tinni pò mangiari a tinchitè, basta chi non tti ffuchi”.

Atru = altro | Natru, natrunu (un altro).

Attàgghiu = vicino, accanto. (G. Di Bella)

'Na manu r'avanti
e una r'arrèri
e ndo menzu
San Michèri.
'Nd'arretu 'nd'arretu
commu 'u cuddaru

Attangirùszu (dal latino tango) = che guasta o si ammala facilmente, ma anche permaloso ("ma commu divintàsti attangirùszu!").

Attarini = improvvisati piccoli altari allestiti a Maggio in onore della Madonna in alcune “rughe” dove passa la processione. Tradizione è, transitandovi, di offrire una piccola somma mettendola sul tabarè presentato da bambini (pa’ Maronna!) per contribuire alle spese dei mortaretti (‘a maschittària). (leggi Il mese Mariano, di N. Lupo)

Attempu = adagio.

Attìa = Ehi tu!

Atu = alto.


L'attarìnu pa Maronna

Avàja (dallo spagnolo vaya) = esclamazione usata in vari sensi: per es. orsù, ma dai.

Avanti = davanti | Avanti cca... (prima che..., per evitare che...)

Avanti-ra-jeri, Avanzi-ra-jeri (dal fr. avant-hier) = l'altro ieri, ieri l'altro.

Aviri = avere, possedere | I aiu, tu ha, illu havi, natri avimmu, vatri aviti, illi hanu | Illu havi tri tùmmina 'i locu (lui possiede tre tumuli di pistacchieto); aiu fammi (ho fame); ìu aiu (ì ccì àiu) 'a frevi (ho la febbre) | Aviri a cchi ddiri (capitare qualcosa di poco piacevole); aviri a cchi ffari cu ... (essere in combutta, accompagnarsi o accordarsi con ...) | Nenti aviva, nenti haiu, commu vinni mi 'ndi vaiu (l'elogio della povertà o, cosa possibile?, della buona politica).

Avògghia = a volontà, in quantità superiore al bisogno. (M. R.) | Invano, certo, sicuro, fai pure | Avogghjia cci-ù ricuddavu,... non fici nenti | Mi pozzu sittari? Avogghia! | Ti bàstanu centu liri? Avogghia! | Mi nni ste jendu! Avogghia! | Aiu vògghja ri chiamàriti... tu si suddu!

Azari = debordare dalla pentola di un liquido in ebollizione. Sta attentu a pignata chi sta azando. (L. M.)

Azòru = azolo (dim. di azzurro). Colorante blu che si metteva nell’acqua di risciacquo della biancheria.

Azzaru = acciaio.


B


Babba
= barba, bonacciona.

Babbacani (?) = muretto rustico a secco per sostegno di terrazzamenti nei terreni ripidi e scoscesi.

Babbalucella (piccola lumaca) = tignosella, pistacchio privato del mal­lo ed asciugato al sole per 2-3 giorni | Il frutto è racchiuso ancora nel suo caratteristico guscio che ne preserva la fragranza ed il sapore. Quando è privato del guscio, ma ancora con le tipiche screziature violacee della sua pellicola protettiva, prende il nome di "garìgghju".

Babbalùci (dall’arabo babush o per qualcuno da “bava” più “luce”, la bava che luccica) = ma anche chiocciola (a Bronte diventa maschio: ‘u babbaluci, i babbaluci). Se è senza conchiglia i brontesi lo chiamano babbaluci anuru (nudo, spogliato). I babbaluci, a seconda del "calibro", possono essere crastuni o vaccarelli (quest’ultimi cotti con sugo di pomodoro, aromi vari e molto peperoncino sono una delizia da succhiare) | Durante il fascismo circolava a Bronte questa curiosa frase: “Viva u Dduci che ci cunduci commu tanti babbalùci!”. Era di moda anche la filastrocca Babbaluci, babbaluci nesci i conna chi t’i lluci.

Babbaracchi = gusci, pistacchi vuoti all'interno.

Babbarozzu = gargarozzo, gola, pomo d’Adamo | Babbarozzu i gumma era detto un noto politico brontese degli anni ’70.

Babbasùni = stupido. (O. C.) | Babbasunazzu = credulone, sempliciotto.

Babbèri = barbiere | Un tempo era figura importantissima nella vita sociale brontese: oltre all'attività principale svolgeva funzioni di musicista (chiamato per le serenate o per serate di ballo), mastru ri casza (con funzioni di cerimoniere e di servente nelle ricorrenze importanti tipo matrimoni o battesimi), paramedico (applicava sanghetti e tirava denti cariati, i ganghi) e fonte di notizie che nella sua bottega trovavano ampio risalto e diffusione. | Una testimonianza dell'attività di questo artigiano la trovi in Mestieri e figure di altri tempi del nostro F. Cimbali.

Babbiàri (dal greco babazo) = scherzare (LC) | Prendere in giro, schernire ed anche gironzolare: "Ma picchì va sempri babbiandu peri peri?"

Babbiàta = stupidaggine, cosa semplice | Facìsti ‘na babbiàta! (hai fatto una stupidaggine) | Ma faru! è ‘na babbiata (ma fallo, è una cosa semplice).

Babbu, babbioru, babbiùni (dal gr. babion ) = babbeo, sciocco, sempliciotto | Scaldino (come nell’indovinello “Sutta u linzoru c’è u babbu ‘i to’ soru”) | Longu e babbu, come dire longu e fissa | Non fari 'u babbu: non comportarti come uno stupido | Chiàmmaru babbu!, lo sembra ma fa il finto tonto, pari chillu chi non ci cuppa e ccià fa jri ndà fussètta | Infine ricordiamo che babbi e piccirilli Diu l'aiuta.

Babbu ri mìnchia = falso stupido. (A. F.) | Altre declinazioni o tipologie di babbi: babbu ‘i l’ova, babbu malignu, babbu ra to casza e, non potevano mancare 'u babbu 'i to soru! ed anche l'ambo: babbu tu e cu ti vesti a matìna.

Baccàgghiu (da Becchime?) = dar pasto.

Baccarà = baccalà | Non sapremmo che relazione di somiglianza potrebbe esserci ma baccarà indica anche la vulva.

Baccaràcciu (o Baccalacciu) = Ingiuriadi un sacrestano di cui non ho mai conosciuto il cognome. (nl)

Baccariari = gironzolare senza far nulla, ciarlare.

Bbacchiatu = frastornato, dimesso, stordito.

Bacchittuniàri: fare finta di lavorare, ma in realtà non fare nulla. (A. F.) | Vagabondare senza far nulla.

Bacirèlla = barattolo di latta (lattina) o cosa scassata, vecchia. (V. S.) | Lattina di conserva vuota.

Baciri = bacile, catino.

Bacuccu (?) = bordo sporgente e arrotondato di un ciglio (scalino o marciapiede). Tutti i marciapiedi in pietra lavica “ra Chiazza” avevano “u bacuccu”; poi negli anni ’50 un "intelligente" sindaco lo ha fatto tagliare «per allargare la sede stradale di circa 20 cm». Si sono salvati solo quelli di alcuni marciapiedi molto stretti e sono ancora visibili: di fronte l’edicola Scia­var­rello, in un piccolo tratto sotto il muro davanti Piazza Cappuccini e specialmente (perché si nota bene il prima ed il dopo), in un altro piccolo e stretto marciapiede prospiciente la chiesa di S. Giovanni, di fronte alla farmacia). Bisogna dire che i nostri avi avevano molto più senso estetico e pratico di quell'illuminato sindaco che ha distrutto un prezioso e bellissimo manufatto. (aL)


'U babbacani



'A babbalucella


'U babbaluci


Babbu
Babbasùni
Babbioru
Babbiuni
Babb'i l'ova
Babbu ri mìnchia



'U bacuccu

Bbaddàsciu (dall’arabo?) = gradasso, malandrino, ragazzo che si da arie | Al femminile, baddàscia, indica ragazza non ancora matura o,anche, donna di facili costumi

Baddunàru = bastaio. Era l’“ingiuria” con cui veniva indicato il sig. Reitano che aveva il laboratorio nel sottano del palazzo Saitta.

Bbaddùni (da barda) = basto | Sbaddunari = togliere il basto dalla groppa.

Bafè (dal gr. bafe ) = tinto. Filastrocca: “Bafè, biscottu e minè”.

Baganàzzu (da bàganu cioè un grosso recipiente, anche in pietra, in cui si facevano mangiare gli animali) = colui che parla sempre per vantare le sue cose o a voce alta. (A. F.) | Io non lo ricordo usato in questo senso (n. l.)

Bàganu = vaso a tronco conico (dal latino “bacar”), utilizzato per alimenti o altri usi.

Bbagghiòru = dal mento sporgente. Per est.: adulto che ancora gode del baliaggio (lattante). (M. R.)

Bbàgghiu (dal franc. Baile o dallo spagnolo Patio) = cortile interno all’abitazione o (raramente) recinto per animali da cortile.

Baggiànu (dal franc. bejanne ) = vanitoso.

Bàju (dal lat. bajulus) = garzone. Da noi mi pare indichi il particolare colore di un cavallo.

Balla = testicolo, cosa non vera o, per dirla alla moderna, fake news.

Bballariari = saltellare, traballare | Senti non ballariàri cchiù supra u lettu chi ti sonu (ascolta non saltellare più sul letto altrimenti ti castigo).

Ballaturi: piccola piazzola sull'uscio di casa (A. F.) | Ballatoio, terrazzino con ringhiera nel perimetro interno o esterno di un edificio.

Bballi = palle (nel senso di testicoli), frottole, tuorli | Fichi non ancora maturi (scattiòri), come i bballi della frase a doppio senso Bàsami Còsimu.

Ballunaru (da pallone?) = colui che racconta frottole o “balle”. (A. F.)

Balluzza = polpettina di carne.

Bambuscitti = un tipo di erba selvatica con la quale si possono preparare buone frittate (A. F.) | I Bambuscitti (turioni di Pungitopo o Spinaporci o Scoparina) che, in primavera, emergono dal rizoma fra gli spinosissimi rami dell'anno precedente, si consumano come gli asparagi ma sono più amari e richiedono un maggior tempo di cottura. Chi non apprezza il loro sapore amaricante, elimina l'acqua della prima sbollentatura. In ogni caso, una volta lessati, si mangiano conditi con sale, olio e succo di limone, oppure si usano come ingredienti per le frittate (aL) | «Nelle zone desertiche dell'Arabia Saudita, ho trovato una pianta che prima di fiorire aveva un “turione” simile ad un cazzo con dei rigonfiamenti alla base che chiamavano “Zubb al …” ovvero Cazzo d'Asino. I “Zubbi marittara” corrispondono alla specie botanica Asfodeline Lutea, e della quale anche i brontesi ne mangiavano i teneri germogli con il nome di “Bambuscitti”». (Prof. Nunzio Longhitano)

Bancu = panca, banco | Bancuni, tavolone molto spesso dei falegnami.

Banchina = marciapiede | ‘Ndà chiazza fìcinu i novi banchini.

Banchìtta = banchetto. Precisamente quello particolare dei calzolai ('i scappari): basso e attrezzato per contenere tutti gli strumenti e i materiali necessari al loro lavoro.

Bancùni = bancone. In particolare quello dei mastrulascia aut falegnami, adeguatamente attrezzati con morsa, vano attrezzi ed altro.

Banda (dal gr. banda) = complesso musicale, compagnia di fanteria e anche luogo, posto, stanza | Cca bbanda o lla bbanda (in questo stanza o nell’altra), oppure a nulla bbanda! (in nessun luogo in particolare, cioè a zonzo) | Una richiesta che si fa ancora al Vincenzo di turno: Micè! Micè! Passa lla bbanda e viri cu cc’è! (vedi) | La nostra Banda San Biagio è stata fondata nel 1922.

Bandiàri (dal latino Bannum, editto) = insultare, gridare a voce alta, bandire nel senso di reclamizzare a voce alta la merce che si vende; ma anche “cantarle”, in un diverbio, ad un avversario (bandiari a unu).

Bandiatùri = banditore; chi a voce portava a conoscenza del pubblico una merce o una disposizione delle autorità comunali. Negli anni ‘20/’30 “u bandiaturi” ufficiale a Bronte era un Malettese, “u su Savvaturi”, mutilato di un occhio della grande guerra, che ogni mattina veniva da Maletto a Bronte (6 km. a piedi, spesso scalzi,) per reclamizzare a voce, preceduta da rullo di tamburo o squillo di trombetta, merci o avvisi. Si raccontava che una volta doveva dire: “Sintìti, sintìti: ordini supe­riuri, cu avi pocci si li chiura!” Ma dopo aver ripetuto per tutto il paese una frase difficile per lui, disse: “sintìti, sintìti, ordini ri pocci, cu avi superiori si li chiura!” Ma forse era una stoccata indiretta agli amministratori. (nl) | L'ultimo bandiaturi uffi­ciale fu Braszi Piattella, un netturbino tuttofare, accalappiacani e "bandiaturi" con trombetta regolamentare del Comune. Salì anche agli onori della cronaca per aver acquistato una lussuosa bara con tanto di lapide di marmo che teneva "pronta" vicino al letto e spesso e volentieri spolverava e lucidava convinto che altrimenti nessuno ci avrebbe pensato. (aL)

Bàracu (dal gr. baracos ) = violacciocca, fiore profumatissimo utilizzato particolarmente in occasione dei “Sepolcri” (il giovedì della Settimana Santa).

Baraffè = esclamazione di meraviglia: magari, voglia il cielo che! | Macàri Ddiu!

Baranza = bilancia usata dai buticari per pesare la merce | Per il peso di cose più pesanti si usava 'a statìa o 'a basculla.

Baràta (pl. baràti, dall'arabo balàt) = basola, pietra lavica squadrata e levigata per lastricare le strade | “Cunta barati”, sfaccendato che bighellona sempre salendo e scendendo ndà chiazza (per il corso Umberto) ri Capuccini all’àbburu (e viceversa).

Barattelli = cianfrusaglie, oggetti vari.

Bbàricu (o Bbàraku, Bbàruku) = violacciocca (erba delle crocifere a foglie lanceolate intere e fiori a grappoli). (S.T.)

Barràcca = baracca. Questo nome mi ricorda una tipica trattoria familiare che era sorta negli anni ’50 alla fine della salita per Maletto, di fronte alla contrada Difesa, e da dove si può godere la più bella vista dell’ Etna e della vallata di Bronte. Ora quella trattoria è scomparsa e nessuno ha utilizzato quel luogo magnifico, segno di scarsa sensibilità paesaggistica e poco fiuto turistico!

Basari = baciare.

Bàsami Còsimu= baciami Cosimo. In questa frase funge anche da nome proprio: “‘na vota Còsimu e Bàsami erunu ‘n campagna e Còsimu cugghiva i fica e Bàsimi i balli”. Raccontata da un ragazzino in presenza di un Reverendo che, insieme alle signore astanti, si fece le più matte risate | Voi non pensate male, "i balli" della frase sono 'i scattiori, fichi non ancora maturi.

Bàscia (?) = bassa. Indica pure una danza antica.

Bascùlla (dal fr. bascule) = bàscula o bascùlla (come nel nostro dialetto), bilancia con grande piano di carico. (N. S.) | Per il peso di cose più leggere si usava 'a statìa o 'a baranza.

Basiricò (dal gr. basilicos = erba regia) = basìlico. In Sicilia c’è una qualità di basilico a foglia piccola, tenera e più profumata; e nelle case con balconi o sui davanzali c’era sempre un vaso di geranio e uno di basilico rigoglioso | Quando due popolane avevano avuto un’accesa discussione, una delle due per chiudere la lite, esclamava con chiara allusione: “Ca! ora m’u pinnu u basiricò!”; e se era più volgare, diceva: “Ca! ora m’ u pinnu!” facendo un gesto molto significativo e inequivocabile. (nl)

Bastaddu = figlio illegittimo, figlio della ruota (o dei projetti).

Bastaddùni = cavolfiore, così detto perché ottenuto per ibridazione, imbastardito | Ma u sapìti chi cetti voti macàri i bròccuri fanu i bastaddi? (vedi)

Bastàszi (dal gr. bastazo = portare) = facchino, maleducato, villano | 'U bastaszi trasportava con modica cifra piccoli oggetti da un luogo all'altro (ad es. una valigia ra Stazioni a chiazza) | Una testimonianza dell'attività di questo artigiano la trovi in Mestieri e figure di altri tempi del nostro F. Cimbali.

Bastunaca = radice commestibile di colore rossastro molto simile alla carota non più coltivata, pastinaca.

Bastunàri = bastonare, percuotere con bastone (rari copp’i bastuni).

Bastùni = bastone | Assu 'i bastuni (è l'asso di bastone nel gioco della briscola e, in senso figurativo, anche il pene) | Ma Bastuni era anche l’ingiuria di un grosso agricoltore dal cognome Longhitano (se non ricordo male) che aveva un bel palazzo nella Piazza dell’Annunziata, e che aveva un solo figlio maschio professore che era andato ad insegnare Italiano all’estero e aveva scelto la Spagna, ma non ricordo in quale città (nl).

Basùni (dal lat. basium) = bacio. (Invariabile). Frase: “basùni a pizzirunnàchiti"; era un bacio sulle labbra scambiato prendendo entrambi le guance dell’altro con il pollice e l’indice a mo’ di pizzicotto. Avveniva generalmente fra genitori o parenti e un piccolo di casa. Il bacio, almeno fra familiari, era in bocca; in casa nostra durò fino al 1936, anno in cui mio fratello Nino, che era il primogenito, tornando da Venezia, dove si era iscritto alla facoltà di Economia e Commercio, ci disse che al Nord non si usava baciarsi in bocca (usanza certamente orientale!) e, quindi, da allora ci baciammo sulle guance. (nl)

Batìa (dal gr. bateia) = abazìa, monastero | ‘U chianu ‘a batìa ancora oggi identifica Piazza Spedalieri, la più nota ed amata piazza di Bronte, dove un tempo, adiacente alla Chiesa di S. Silvestro, esisteva il Monastero di Santa Scolastica. Da alcuni anni (nel 2009) è stata completamente ridisegnata e rifatta ma... in molti è rimasto sempre vivo un rimpianto: Chianittu ra Batìa quant'eri bellu! | Il termine si usa anche nell’espressione nisciutellu ra batìa per indicare una persona ingenua, come se avesse passato la vita in convento. (L. M.) | O, forse, come se fosse figlio della... Ruota (aL).

Batìssa = badessa.

Battagghju = battaglio, il sonaglio della campana.

Battaria = frastuono, rumore, schiamazzo.


I bambuscitti


'A banchìtta ru scapparu


'u bandiaturi
I bandiatùri ('ndà fotu ri primmi anni ru 900: "i tamburinèri")



'A baranzella ru rraluggiaru

'A baranza e (sutta) 'a bascùlla
'



I barati ra chiazza



Bastadduni


La «vecchia» Piazza Sedalieri, foto G. Longhitano
U vecchiu e 'u novu Chianu 'a Batia
VEDUTA DELLA NUOVA PIAZZA SPEDALIERI

Battemmàtri (dal latino stabat mater) = era il canto (i cosiddetti lamenti) che gli anziani intonavano durante la processione del Venerdì Santo. (A. F.) | Fra gli altri cantava ‘u Battemmatri un contadino della mia ruga, Pecciavanèlla; ne parlo in qualche mio scritto. (n.l.)

Battiari (dal gr. baptismos ) = battesimo e battezzare. Frase: “A quandu a quandu fici u battiari mancu ‘a gallina potti dubbari!”. (V. Aforismi brontesi)

Battindè = E con ciò? (L. M.) | Anche con il significato di magari fosse, volesse Iddio.

Baullu = cassapanca coperta ed imbottita. Utile mobile d'arredamento dove conservare biancheria, , tuvagghi, copetti e linzori.

Baviàrisi = sbavarsi.

Bavuszu = bavoso, bamboccione.

Bazariòtu [Dall’arabo “bazar” = mercato. Quindi: rivenditore, mercante. (M. R.)] = birichino, monello.

Bazu = strapiombo, gola | V. 'u bazu 'a Càntira.

Beccaficu = ‘a beccaficu è un modo di cucinare le sarde, impanate e ripiene.

Beccu = caprone, il maschio della crapa. Un sinonimo è zzìmbaru | Il maschio della pecora brontese è invece, 'u crastu (vedi).

Bellamatri = Bella Madre, esclamazione di meraviglia o di giuramento.

Bellameggiòia = bella mia gioia! Era l’“ingiuria” della famiglia Marcantonio di cui parlo sia nei miei “Fantasmi” sia nel ricordo di Padre Marcantonio (nl).

Bellicapìlli = bei capelli. “Ingiuria” di un reduce dall’America di via Marconi, che aveva una fisarmonica che suonava ogni sera al ritorno dalla campagna (nl).

Bèllura = animale, della famiglia dei mustelidi, simile all’ermellino. Donnola. (M. R.)

Bbenaggi = (beni e agi), omaggi e regalie, elargizioni benevoli | Ma tutti ‘sti benaggi picchì? (ma perché tutti questi regali)

Benerica = saluto (mi benedica).

Benerìciti: (dal lat. Benedicite= benedite, forma di saluto.

Besta (pl. Besti) = animale da soma (‘u muru, ‘u sceccu, ‘u pullitru, …) | Racci ‘u fenu a besta (dai il fieno al mulo, asino, puledro, …).

Bbètturi = doppia bisaccia posta sul basto con le due grandi tasche pendenti lateralmente | Un proverbio dell'arguto contadino: L’occhi a na via ma i mani e bètturi (come dire distraiti pure ma la mano tienila sempre sul portafoglio).

Bbiàri = buttare, lanciare | Non biari a mundizza peri peri, non bbiàri petri, non ti bbiàri ri chiattu.

Bbiccummi = lezzo, tanfo caprino (di beccu).

Bìfara (dal latino bifer) = una specie di fico (LC).

Billittu = bellino, grazioso, soddisfacente | Billitti li scappi! (graziose quelle scarpe) | Commu su aguannu i frastuchi? Billitti! (com'è quest'anno la produzione di pistacchi? Soddisfacente!)

Bindòzzu (?) = “Ingiuria” o soprannome di una famiglia Meli, (discendenti da un barone. Vedi B. Radice) nostri amici (nl) | Nei secoli passati a Bronte le persone erano conosciute o distinte più dalle ingiurie” o soprannomi che dai cognomi, tanto che negli antichi registri di battesimo o di matrimonio della Matrice (partono dalla fine del 1500) a volte il cognome non è nemmeno indicato sostituito dalla "'nghjùria".

Binirittu = benedetto | Tuttu bbonu e binirittu o Tuttu binirittu e santu (una cosa od una persona eccezionale, soddisfacente).

Biriàrisi = arrabbiarsi, diventare gialli o verdi per la bile (LC).

Biriàtu (o anche biliatu) =  da bile, arrabbiato, stizzito (M. R.).

Bbirìci = valigia (L. Z.).

Biscotti = dolce povero di zucchero, a forma di "S", grosso e adatto per zuppa. Era riservato a ospiti non di riguardo e affamati.

Bbissàri = sistemare, aggiustare, procurarsi | Bbèssiti ‘i capilli (sistemati i capelli); bbèssiri si cazi! No viri chi ssu strazzati? (aggiustali i pantaloni! Non lo vedi che sono strappati); bbèssiti ‘na bella zzita (fidanzati) | Bbissàtu = a posto, aggiustato, ordinato, sistemato.

Biszàzza (dal lat. “bisaccium”, doppio sacco) = bisaccia, due grandi tasche rustiche unite da posare sul dorso del mulo.

Bivèri (da bere) = sorgente nelle vicinanze della Ducea Nelson donde provenne la prima condotta d'acqua potabile a Bronte.

Bivi = beve.

Bbivirari = abbeverare (dare acqua a piante o animali) | Bbivira 'u pullitru e ppò i bastadduni.

Biviratura = Ampia vasca in pietra o cemento, di solito rettangolare e addossata a un muro, alimentata da una sorgente, situata spesso nelle strade di accesso al paese, dove gli animali tornando dalla campagna avevano la possibilità di bere (L. M.).

Bìviri (o bivìri) = bere, dissetarsi | Ma, dice il bracciante brontese, c'è modo e modo per bere: Cu zzappa  - infatti - bivi l'acqua, cu futti bivi a' butti!


I bbètturi

Tuttu bbonu e binirittu


'A biviratùra ra Lifisza e, sutta, chilla arretu a Nunziata

Bizzèffi (dall’arabo bezzaf) = assai | Oh! aguannu ficarindia a bizzeffi!.

Bizzuni = gemelli | Ingiuria di una famiglia Longhitano, nella quale sono stati sempre frequenti i parti gemellari.

Bbo’ (dal gr. bous, boos ) = bue | Invariabile al plurale ('u bbò, 'i bbò) | “Quandu 'u bbo’ è o macellu tutti cùrrunu cu’ cutellu”. Per voler dire che si approfitta di chi cade in disgrazia | 'U bbò, in relazione all'età, è chiamato vitellu, vitillazzu, tauru o jencu (se destinato alla riproduzione), bbò se castrato e destinato ai lavori (L. M.).

Bocura ‘nzita = Gioco fatto coi bambini che si mettevano a cavalcioni sulle gambe degli adulti e tenuti per le mani si buttavano indietro e venivano poi tirati su, mentre si recitava la filastrocca: Bocura ìnzita, spezza cannata, e si proseguiva elencando oggetti, anche in modo estemporaneo. (L. M.)

Boffa (dal franc. bufe) = schiaffo.

Bombace = coperta di un tempo che fu.

Bompìszu = l’usuale frase ru buticaru nel pesare la merce. Se qualcuno non ci credeva, nei tempi andati, poteva controllare recandosi dai Vigili Urbani dove c’era ‘u baranzuni.

Bon'e bbonè = bonaccione, persona bonaria e semplice, in qualche modo, alla men peggio | E' bbonebbonè (è un bonaccione) | Bbonebbonè ci jimmu o stissu (in qualche modo ci andremo).

Bbonu, bbona, pl. boni, = buono, bene (avv.) | Pigghiari cu bbonu (cercare di calmare) | Mintìrisi bbonu, sintìrisi bbonu, stari bbonu (stare comodo, bene, guari­re) | A bon'è bon'è (mediocremente, alla men peggio); bon’è bon’è (meglio questo che niente); ri bbonu e bbonu (all'improvviso); 'u bbonu stari (le comodità); bonu bonu (alla fin fine, in ultima analisi). Frase "augurale": Bon Capurannu e bonu fini 'i miszi, tutti li vecchi stammu tiszi!

Bòria = aria, darsi arie ed anche vento; da cui deriva il nome brontese di “aquilone(M. R.).

Bbonucchiù = basta!

Bon Capurannu
e bon fini ri miszi,
tutti li vecchi
stammu tiszi!

Bbotta = ictus, colpo violento e improvviso, disgrazia, ecc. L’etimo è incerto. Forse si tratta di una radice onomatopeica: bott! (N. R.) | Botta ri sangu! (imprecazione) | I botti (fuochi pirotecnici).

Bbottu = rumore, tonfo. | Ma cchi fu su bottu? ‘A muntagna?” (ma cosa è stato questo rumore? L’Etna?) | Oh! ‘U viristi? Fici tuttu un bottu (Oh! L’hai visto? E’ finito all'improvviso. Ha chiuso, è fallito, è morto ...) | Al plurale, botti, significa anche fuochi pirotecnici ('u iocufocu): Ma i botti undi ‘i fanu o Sciarandru?

Bbozza = gozzo della gallina | Tòccacci 'a bozza 'a gallina e viri si mangià! | Vedi anche l'aforismo ’A gallina chi camina, tonna ca bbozza china (la gal­lina che va in giro a razzolare torna con lo stomaco pieno), come a dire che se stai con le mani in mano otterrai ben poco dalla vita.

Bbozzu = bernoccolo, gonfiore | Mi fici 'un bbozzù ndà testa.

Bracàtu (o Bragatu) = rauco. (M. R.)

Brachittùni = Stipite della porta. Detto anche di qualcuno allampanato e inconcludente. (L. M.)

Bramàri (?) = gridare. Ind. pres. 3° sing. bràmma = grida (bramma ...chi ti passa!).

Brammu = grido, urlo.

Brancicàrisi = arrampicarsi.

Braszi = Biagio. Conoscevo un “mastru Braszi” che era il sacrestano della chiesa Madre ed abitava vicino a casa nostra, forse nell’attuale via Corelli. Di lui si raccontava che era uno sfacciato petomane e una volta, tornando dalla chiesa a casa sua, si trovò dietro ad un uomo che emetteva piccoli peti; allora il nostro sacrestano cercò di raggiungerlo e subito gli disse: “Vossia chi avi tanti soddi minuti mi scangia chistu?” e gli mollò un forte peto che lasciò quel poveretto di sale. (nl) | San Braszi è uno dei Patroni di Bronte (l'altro è la Madonna Annunziata).

Bratta (dal latino blatta ) = scarafaggio.

Brazzari = abbracciare | Brazzari è un esempio della vocale “A” atona iniziale che nel brontese generalmente tende a sparire e senz’altro in ciò avrà influito l’articolo femminile. Es. bbundanzia (abbondanza), ’ngùstia (angustia), ‘ntinna (antenna), gnellu (agnello), spàraci (asparagi), scilla (ascella) ecc.. Per i verbi (come brazzari) la caduta è generale: jutari (aiutare), ffundari (affondare), bbaiari (abbaiare), mmazzari (ammazzare), rrivari (arrivare), ffirrari (afferrare), etc.. (S.T.)


San Braszi, patronu ri Bronti

Brazzu = braccio | Pigghja ‘u figghju ‘ndè brazzi! No vì chi cciangi? | Brazzatu (abbracciato) | Brazzata (una bracciata, ‘na brazzata ‘i ligna) | A brazzettu (a braccetto, pìgghjaru ‘a brazzettu!).

Brìgghia = gioco popolare con birilli. Altra voce: cinghie di finimento poste attorno alla testa del cavallo per guidarlo. (M. R.)

Brigghjoru = stupidotto, longu e fissa.

Brìgghiu (da bricke) = birillo | Con un eufemismo si intende anche il pene: Test 'e brìgghiu!

Brignòru (dal franc. brignoles) = susine brune. Brignolo è anche una contrada di Bronte.

Brìscura = briscola, gioco di carte (càrricu, il carico). (S.T.)

Bròccuri = broccoli | Ggiumbati, stufati e mangiati ca sozizza rrustuta. Altra specialità di Bronte: pasta con bròccuri stufati e con mullica tturrata | La presunzione non ha limiti: a volte, lo sapete certamente!, macari i bròccuri fanu io bastaddi!

Brògna (dal greco bromias) = buccina.

Bronchìti = bronchite. Era il termine scientifico più conosciuto. Il vecchio Dott. Zappia alle sue pazienti usava dire in dialetto: “Aviti i gattunelli ‘ndo pettu”.

Bronti (dal gr. bronte = tuono, ma anche nome di un ciclope ) = Bronte, la nostra ridente cittadina. I suoi abitanti sono denominati bruntiszi (alcuni di loro, autoironici, scanzonati e liberi, ve li presentiamo). Vedi anche alcuni racconti, canzoni, poesie, dedicati a Bronte.

Broru = brodo (v. l'aforisma "Cu non pò mangiari canni bivi broru"). E' bene ricordare anche che quando si parla è bene non "llungari 'u broru", dilungarsi inopportunamente.

Bruccètta (dal franc. frouchette o dall'ingl. broach, spiedo) = forchetta | Il suo aforisma è Taddu ma ca bruccetta!, come a dire oggi mangiammu taddu ma cu tutti i santi crismi | Bruccittata = forchettata.

Brùgghiu = ciò che cola dal naso nei bambini (A. F.) | Secrezione del muco nasale (LC).

Brunìa = contenitore in vetro con collo largo per conservare ulive, ortaggi sotto aceto o altro. (L. M.)

Bruntisi (o bruntiszi) (sing. e pl.) = brontese, abitante di Bronte | La conoscevi ‘A bruntiszella con il vizio di santiari?

Brusca (dal latino busca) = brusco, pezzettino.

Bruscari = bruciare le stoppie. “Bruscari ‘u pagghiuni”, dare una bella lezione.

Brusgjarellu = mazzetti di spighe di grano ancora verdi portati ri Marini in primavera, i cui chicchi, abbrustoliti sul fuoco, venivano mangiati.

Brusgjari = bruciare.

Brusgjuri = bruciore.

Bruzza = piccolo frammento di foglia, legno, pagliuzza. (M. R.)

Bua = Detto ai bambini per indicare un inconveniente fisico o qualcosa che può fare male. (L. M.)

Buatta (dal fr. boite) = lattina, scatoletta di latta contenente commestibili ed anche il solo contenuto ('a pasta ca buatta era un tempo quella condita con il pomodoro in scatola).

Bucalàci (dal greco bucalos) = chiocciola.

Bucàri = boccale, vaso con larga imboccatura ed un'ansa usato per l'acqua o il vino.

Bbucca = bocca (plur. i bucchi) | ‘A bbucca ‘i l’amma (l’epigastrio); ‘a bbucca ‘o funnu (la bocca del forno); a bbucca sciutta (senza aver avuto nulla); a bbucca avetta (sbalorditi, meravigliati); chjina ‘i favi (biascicare, farfugliare)| Laggu ri bucca (il vantarino); tuttu bbucca (lo spaccone).

Bbuccàri = da “abboccare”, chinare. Pendere, protendersi, perdere l’equilibrio (M. R.) | Dallo spagnolo "abocar" = capovolgere o travasare (LC).

Bbuccazzeru: fanfarone, smargiasso, sbruffone, persona che racconta a tutti le sue cose od anche i segreti ricevuti esagerando i fatti.

Bbuccèri (dal fr. boucher ) = macellaio. Faceva affari d'oro quando vendeva carne di bassu macellu, animali incidentati o malandati che il veterinario aveva ordinato di abbattere | Una testimonianza dell'attività di questo artigiano la trovi in Mestieri e figure di altri tempi del nostro F. Cimbali.

Bucch'e l'amma = letteralmente bocca dell'anima e indica la parte bassa dell'esofago. (A. P.)

Buccillatu = ciambella di pane.

Buccummi = puzza, fetore, di sterco di pecora o di ovini | fetu 'i buccummi (odore sgradevole del caprone, 'u beccu).

Buccuni = boccone (di pane) e sorso (di vino) | Ssi vvò un buccuni ì vinu primma màngiti un picì 'i pani.

Buccuniari = sorseggiare, mangiucchiare, prendersi un boccone | Ssèttiti e pìgghjati un buccuni! Siediti e prendi un boccone (di pane o di vino).

Bùccura = borchia, anello di ferro o ricavato nella pietra per legarvi le redini ('a cullana) di animali da soma | Anello che riceve e ferma la stanghetta del chiavistello.

Buccuràgghiu (dal latino buccola) = pappagorgia.

Bbuddèllu = bordello, caos, gran confusione, cagnara | Oh! Mach’è stu Bbuddellu!? (Oh! Ma cos’è questo casino!?)

Buddilluszu = casinista, fracassone, confusionario.

Buddunàru = Conduttore di muli, carovaniere. (M. R.)

Buffa = rospo.

Buffagghiunùtu = cicciottello, pienotto, con la faccia tonda e soda.

Buffàrisi =(da “buffa”, rospo): gonfiarsi come un rospo, mangiare troppo. (M. R.)

Buffazza = schiaffone.

Buffetta (dal fr. buffet) = piccolo tavolo da cucina, privo di cassetti e senza fronzoli; l’essenziale per poter mangiare un boccone.

Buffiàri = arcaismo per “schiaffeggiare”, rendere la faccia gonfia come un rospo. (M. R.)

Buffiniari (o bbuffuniari) = scherzare, prendere in giro, deridere, scherzare. Finìscira ‘i buffiniari e parra seriamenti: finiscila di scherzare e parla seriamente (G. L.) | Da “buffone”, deridere, sbeffeggiare, burlare (M. R.).

Bbùgghjri = bollire | Cchianà 'u bugghju ndà pignata? (è iniziata a bollire l'acqua nella pentola?).

Bbugghìri = contenitore ottenuto dalla pelle di un agnello neonato scuoiato per intero e legato ad un’estremità. Si usava, rivoltato in modo che il pelo fosse nella parte intera, per conservare il caglio o le ulive infornate e condite con olio. Il pelo serviva a mantenere umido il contenuto; l’igiene, … a quei tempi non costituiva un problema! (L. M.)

Bbugghiu nettu = modo ci cucinare i cibi. Bollito con aromi. (L. M.)

Buggiàcca (dal latino bulgea) = carniera.

Bùggiu (dall’arabo burg) = massa di biade o di paglia. La bica (bbuggiu) del fieno era costituita da un mucchio di covoni da utilizzare durante l'inverno per le necessità alimentari del bestiame. Veniva assemblata nei pressi della stalla, impartendo ai covoni accatastati l'aspetto di un casolare con la parte superiore a due spioventi. Una particolare copertura realizzata dal contadino proteggeva il fieno dalle intemperie.

Bullari = mettere a mollo, ammaccare (una lamiera) | Bulla i robbi, metti i panni in acqua); bullàrisi ‘ndill’acqua (buttarsi in acqua); non mmi bullari ‘a màchina (non rovinarmi l’auto) | Bullatina (piccola ammaccatura): Viri chi mi facisti ‘na bullatina ‘ndà màchina!

Bullicaru = dove cè ‘u bullicu, pancia.

Bullicu = ombelico.

Bullichèllu = piccolo ombelico. “Ingiuria” di uno dei fratelli Isola, detti anche “masticabroru”.

Bumbararu = addetto ai fuochi artificiali | Di B. Radice leggi U su Savvaturi, u bumbaràru.

Bbùmburu (o Bbùmbaru o Bbùmbiru, dal greco bombos) = orcio, brocchino, recipiente di argilla, ad anfora, di piccole dimensioni con manici e con imboccatura adatta a poterci bere, per tenere fresca l’acqua o trasportarla | Altri recipienti di terracotta più grandi per uso similare erano 'a lancella e 'a quattara | Bùmbaru ha anche il significato di bernoccolo. "Scillicavu e mi fici un bellu bùmburu 'nda testa" (A. F.) | Il contenitore, creato con una particolare tipo di creta, lasciava trasudare piccole goccioline d'acqua ('u bùmbaru sura); l'evaporazione, sottraeva calore al liquido e lo raffreddava (L. M.)

Bunàca (dall'arabo) = giaccone rustico | E' anche una voce calabrese. Indica un giacca corta con tasca posteriore da usare in campagna e durante la caccia. Una conferma si ha dal termine greco “bounos” = campagna. Per cui, “giaccone da usare in campagna”. (M. R.)

Bunachìnu = giacchetta, a differenza della bunaca molto larga e con ampie tasche. (L. M.)

Bbundànzia = abbondanza | Bbundanziùszu = più che abbondante, esuberante.

Burari = volare. 'A burata e l'angiru (la volata dell'angelo, caratteristico momento della Festa dell'Annunziata).

Burella = budella | Aviri u burellu vutatu (essere irritabile, permaloso od avere la luna di traverso); jttari i burella (vomitare); fàrisi i burella fràrici (arrabbiarsi).

Burilluzzu = (dim. di budello ) era l'appendicite, difatti con la frase “Ci vutà ‘u burilluzzu e murì” si intendeva la complicazione peritonitica dell'appendicite acuta. (A. F.)

Bburnia (dall’arabo burníya) = vaso per conserve, boccione (di terracotta o di vetro). Si utilizzava nelle antiche farmacie ma nelle case in genere serviva per conser­vare le olive o i capperi in salamoia. Allo scopo di tenere immerse le olive e di impedire, così, di ammuffire, alla superficie dei boccioni si ponevano a mo' di cercine fusti già fruttificati di finocchio selvatico (finocchiu rrizzu) che inoltre trasmetteva alle olive i tipici aromi della pianta. (aL)

Burràini = borragine o erba pelosa. L’aspetto ispido non scoraggia gli appassionati di quest'erba, poiché i peli perdono la loro rigidità con la cottura. E' consumata come verdura cotta, lessata in poca acqua e condita con olio (cunsata ‘n facci) oppure come ingrediente di minestre e zuppe, tra cui, quella di lenticchie o, soprattutto, con i frascaturi (la polenta del meridione fatta con farina di ceci).

Burrellu = fascio di steli di fave falciati alla base legati e raccolti in un covone che viene poi lasciato sul campo isolato ad asciugare.

Buscari (o 'mbuscari) = procurare qualcosa, prendere botte | Ma 'mbuscàri na bella màchina (mi devi procurare un buona auto); bbuscari coppa (prenderle); bbuscàrisi 'u panì (guadagnarsi il pane, andare a lavorare) | Oj Affiu bbuscà bbonu (oggi Alfio ha preso belle botte).

Buruni = bullone ‘Mburunari, l’avvitamento del bullone per unire due pezzi. ‘Nvitari, invece se trattasi di una vite.

Bbuscica = vescica, rigonfiamento, bolla | Mi fici ‘na buscica ‘ndè peri.

Buscicutu = grassoccio, pienotto, paffutello.

Busza (dal fr. bouse) = sterco di bue.

Butàna (dall’arabo betana) = coperta rustica multiuso, tessuta al telaio in casa; sacco enorme di forma cilindrica che può contenere quintali di frutta secca od altro.

Butìca (dal greco apothech) = deposito, magazzino, e successivamente, in greco moderno, farmacia - Altra derivazione franco­fona: boutique) = bottega: nel doppio senso di “laboratorio” e di “negozio” ("a butica 'o vinu") | 'A butica brontese è la classica putia siciliana.

Buticàru = bottegaio, esercente.

Buttacciu = piccola botte, quella ancora più piccola è 'u carratellu.

Buttàna = puttana.

Bbuttaniari = bighellonare piacevolmente (LC).

Buttaniàrisi = scambiarsi offese, ma anche: vanagloriarsi come una prostituta. (M. R.)

Butti = botte (per contenere il vino) | 'U bbuttacciu è la botte piccola (200-300 litri circa), 'u carratellu quella ancora più piccola.

Bbuttigghjùni = Bottiglione. Serviva per riporvi il vino da consumare giornalmente. Per essere protetto dagli insulti meccanici, era rivestito da listelli di canna, vimini e paglia (‘mpaggliatura), mediante una tecnica di lavorazione denominata incamiciatura. (aL)

Buttùni = bottone (inv. al pl.) | ‘Mbuttunàri (abbottonare). I buttuni tomàtici sono quelli di metallo e a pressione.

Buturò = Aggettivo dispregiativo. Si dice per offendere chi è sovrappeso o comunque nei confronti di individui grassi. “Chillu è un pezz’ì buturò(M.G.P.).

Buzza = borsa.

Buzzunèttu (dallo spagnolo bacinette) = borsellino, ramajolo.

Buzzuni = sacchetto. (L. M.)

 


'A bucca 'o funnu



'A bùccura ri petra pi ttaccari 'u sceccu



Supra 'a buffetta cc'è misza 'a frastuca, u buttigghjuni e u lumi a petroliu


'u furrìzzu, 'a quattàra e 'u bumbùru,
U furrìzzu, a quattàra e u bùmburu



'A bburnia ora ddivintà 'na grasta


'I burraini e, sutta, u sò fhiuri
Fiore di Borragine



'U buttacciu (ravanti cc'è ppuggiata 'a para 'o funnu)



'U buttigghjuni 'nviggatu ppi tèniri 'u vinu (e macari l'ogghju)






  

A B C D E F G H I J L M N O P Q R S T U V Z

     

Powered by Associazione Bronte Insieme - Riproduzione riservata anche parziale. Tutti i diritti sono riservati agli autori che ne sono unici titolari. E' vietata ogni riprodu­zione di foto o del testo o di brani di esso senza l'autorizzazione scritta dell'Autore e senza citazione della fonte.  Questo vocabolario è aperto a tutti: chiunque, a conoscenza di altre antiche parole o detti brontesi, può comunicarli a bronteinsieme (@gmail.com) che provvederà a inserirli. Potrai inter­venire inserendo nuovi etimi o altri vocaboli o frasi interessanti. Anche i «?» sono stati volutamente lasciati in attesa di una tua integrazione. Ultimo agg. maggio 2020