Home
Tutto sulla Città di Bronte

Manifestazioni ed Eventi

Sagra del Pistacchio

Visitiamo, insieme, la Città di Bronte

Ti trovi in:  Home-> News-> Sagra Pistacchio

Le sagre precedenti: 2014, 2013, 2012, 2011, 2010, 2009, 2008, 2007, 2006, 2005, 2004, 2003, 2002
 

XXVII Sagra del Pistacchio (2016)

Il Comune non ha ancora stabilito la data

E' probabile che si svolgerà dal 23 al 25 Settembre e dal 30 al 2 Ottobre.

 


XXVI Sagra del Pistacchio (2015)

dal 25 al 27 Settembre e dal 2 al 4 Ottobre.

5 ottobre 2015

Concluso l'«Expo del Pistacchio di Bronte Dop»

Il sindaco:«L’Expo ha vinto la sua sfida»

E’ stato il sindaco Calanna a tagliare per primo la torta al pistacchio più bella fra le tante torte che i pasticceri di Bronte hanno preparato per i visitatori del primo Expo del pistacchio di Bronte dop.

Ad attendere di poter assaggiare il dolce per ec­cel­lenza di questa sagra migliaia di visitatori, che hanno atteso anche ore dietro le transenne in attesa di assaggiare il gustosissimo dolce all’Oro verde.
Un momento importante cui non hanno mancato numerosi ospiti, tanti sindaci e diverse autorità a coronamento di 2 fine settimane prese d’assalto dai visitatori.
Pensate che ieri a momenti la coda in auto per arrivare a Bronte era lunga ben 8 chilometri.

Erano presenti alla festa l’assessore regionale Giovanni Pistorio, i deputati regionali Anthony Barbagallo e Salvo Giuffrida e l’onorevole Giuseppe Beretta.

Con loro sindaci provenienti da tanti Comuni della provincia di Catania e di Messina ed il coordinatore provinciale del Megafono, Giuseppe Caudo. Tutti hanno espresso entusiastici giudizi e complimenti per la riuscita dell'Expo.

«Devo ringraziare tutti. – ha affermato un emozio­nato sindaco Calanna al taglio della torta - Grazie agli ospiti che oggi sono qui, grazie alle Forze dell’Ordine ed alla squadra del Comune che dietro le quinte ha lavorato intensamente.
Grazie agli espositori che hanno offerto il meglio dell’Oro verde ed ai produttori che con passione e fatica si ostinano a coltivare il pistacchio.
Grazie ai miei concittadini che hanno accettato di buon grado i disagi che una manifestazione così comporta e grazie a tutti voi che ci siete venuti a trovare».

Per il sindaco l’esperimento è riuscito: «L’Expo ha vinto la sua sfida», ha dichiarato. Sod­disfatti anche gli espositori del Polo di eccellenza del pistacchio in piazza Spedalieri che hanno venduto migliaia e migliaia arancini e gelati.

“Alle 21 ho finito tutto. – ha affermato Peppe Luca – Eppure mi ero esageratamente rifor­nito. Non so dirvi quanti arancini o gelati al pistacchio ho venduto. L’Expo è stato un suc­cesso”.

In tanti hanno apprezzato anche l’idea di spostare l’area “Food” nel Parco urbano. Così niente fumi ed odori nel corso principale e soprattutto lo spazio giusto per sedersi e gustare un buon panino alla salsiccia rigorosamente al pistacchio.

Intanto nel mattino il sindaco ha ricevuto una delegazione dell’ambasciata iraniana a Roma. A rendere onore all’Oro verde di Bronte sono stati i consiglieri culturale ed economico del­l’Am­basciata, Ghorban Ali Poumarjan e Ali Matinfar. Con loro la giornalista Tiziana Ciavar­diani.
 

Non più Sagra

Il Comune di Bronte quest'anno ne ha cambiato il nome in

«Expo del Pistacchio Dop di Bronte - Il Pistacchio in tutte le sue forme»

Il verde-smeraldo del pistacchio di Bronte appena raccolto«Il cambio nel nome non è un fatto formale – ha affer­mato il sindaco Graziano Calanna – ma sostanziale.
Il concetto di Sagra da più l’idea di una festa paesana, la nostra invece è l’espo­si­zione di un prodotto di nicchia che ha un gran­de valore internazionale».

Quest'anno porta anche un'altra novità: non ci saranno più stand lungo il Corso Umberto. L’Expo del pistacchio, a diffe­renza della Sagra si svolgerà infatti nella maggior parte delle piaz­ze brontesi.

«Ma l’aspetto più significativo - continua Calanna - sta nel fatto che il pi­stacchio torna ad essere il vero protagonista dell’evento. Piazza Spedalieri, infatti, farà da scenario al "Polo di eccellenza" del Verde Pistacchio. Qui si concentreranno gli stand delle più rinomate imprese che pro­ducono prelibatezze al pistacchio».

L’inaugurazione è prevista venerdì 25 alle ore 18 nel viale Catania, dove si tro­vano gli stand istituzionali. Da quel momento il verde pistacchio brontese sarà fe­steg­giato da concerti, esibizioni, mostre e convegni culturali.
E se il corso Umberto per la prima volta dopo tanti anni sarà libero dagli stand (c’è ne sarà solo qualcuno di artigianato d’arte nelle zone più ampie e nelle piazze limitrofe), i turisti arrivando in piazza Spedalieri troveranno il vero e buono pistac­chio di Bronte, in tutte le forme e confezioni che hanno reso celebri le aziende brontesi.
Poi in piazza Cappuccini l’area gourmet, nelle piazze Saitta e Liuzzo i prodotti tipici, ed al parco Urbano la gastronomia. I concerti di rilievo tutti in piazza Castiglione

“Ai media – ci dice il sindaco Graziano Calanna, che ha voluto e programmato la rivolu­zione – faremo conoscere i rappresentanti delle aziende brontesi che anime­ranno il Polo di eccel­lenza del pistacchio in piazza Spedalieri. Quest’anno saranno loro i protagonisti della manifestazione perché al centro di tutto ci sarà il pistacchio, vero big di un evento che si lascia alle spalle la sagra paesana e punta a diventare un’esposizione internazionale di un prodotto di élite”.

“Abbiamo allestito un palinsesto di iniziative particolarmente allettante – afferma l’asses­so­re Nuccio Biuso – fatto di spettacoli concerti ed anche momenti culturali. La pinacoteca Nun­zio Sciavarrello, per esempio, sarà sede di diversi convegni. Parleremo del pistacchio, del Consorzio del pistacchio dop, ma anche nei sentieri del Parco dell’Etna. L’Expo – conclude - darà l’occasione per assaggiare il pistacchio ed ammirare un territorio unico e ricco di cultura”.
 

Oltre a piazza Spedalieri, la festa sarà in piaz­za Cappuccini con l’area gourmet, nelle piazze Saitta e Liuzzo dove ci sa­ran­no i pro­dotti tipici e nel parco Ur­ba­no sede del­la la gastronomia.
A piazza Castiglione il compito di ospi­ta­re i con­certi”.
Ci sarà anche un concorso di idee per in­di­vi­duare il nuovo simbolo dell’Expo del pi­stac­chio: il cofanetto che ha ca­rat­te­riz­zato le ul­ti­me sagre il pros­simo anno an­drà in pen­sione.

E... anche quest'anno, Sagra o Expo che sia, im­mancabilmente ed inap­puntabili, arrivano su­bi­to, anche loro per la XXVI volta, le critiche. Ve ne segnaliamo una:

«A Bronte troppo successo uccide la festa del pi­stac­chio - Bene. Anzi…male. Iniziamo col dire che la sagra del pistacchio di Bronte que­st’an­no è stata una delusione...»

 

2016: IL COMUNE NON HA ANCORA STABILITO LA DATA DEI 2 WEEK-ENDS  DELLA 27ma SAGRA


Non più Sagra ma Expo
Il programma del 2015
Bronte Mia, di Tony al Parlamento
Gemellaggio con la città iraniana di Damghan
Arriva l'ambasciatore dell'Iran
Il Pistacchio di Bronte, La raccolta,
La Denominazione di Origine Protetta,
Pistacchi tutti gli anni
Le ricette col pistacchio di Bronte
 

Il Pistacchio e la sua Sagra

VIDEOCLIP DI SAGRE PRECEDENTI

2009/La festa - 2008/'U diamanti virdi - 2007/L'oro verde - 2006/Dalla raccolta alla Sagra - 2005/Pistacchi ed altro

BRONTE, CAPITALE ITALIANA DEL PISTACCHIO

Bronte, capitale italiana del pistacchio


 

ECCO A VOI! LA CRÊPE COL GELATO DI PISTACCHIO DI BRONTECI PERDONERETE,

ma appositamente per far­vi venire l’ac­quo­lina in bocca vi descri­viamo so­lo alcuni dei piatti prelibati che, durante la Sagra, la ga­stro­no­mia locale vi può offri­re, comin­cian­do natu­ral­men­te con ciò che gli abili cuochi brontesi sono in grado di fare con il verde Pistacchio.

Tanto per iniziare il pistacchio non è solo si­nonimo di dolci, ma nutriente condi­men­to per i primi piatti.

Se da una parte, infatti, la fama delle Pen­nette al pistacchio ha fat­to il giro della Sicilia per la loro bontà, non meno preli­ba­ta è la pa­sta fre­sca fatta in casa realiz­za­ta con la farina di pistac­chio o due spa­ghetti sal­tati in padella con il pe­sto di pistac­chio o, per pala­ti un po’ più pesanti, la salsiccia al pistac­chio.

I dolci naturalmente la fanno da padrone: paste, torte e gelati sono resi ancor più gu­sto­si con il prezioso frutto del­l’Etna che è servito negli anni anche ad inven­tare preliba­tezze nuove quali le crepes calde ripiene di crema di pistacchio.

Girando fra gli stand della Sagra (o «Expo del Pistacchio in tutte le sue forme», come è stata denominata quest'anno la cara, vecchia Sagra del Pistacchio) o recan­do­vi in qualsiasi pasticceria o risto­rante di Bronte troverete tutto e forse di più, in un varie­ga­to cocktail di prodotti che però han­no un colore solo: il verde dell’«Oro» di Bronte.

Il pistacchio di Bronte appena raccoltoIl prezzo del pi­stac­chio verde di Bronte dop, nono­stante la Denomi­nazione di Origine Protetta con­cessa dall'Unione Euro­pea nel giugno 2009, naviga sempre a vista, comunque non dovrebbe discostarsi granchè dal prezzo dell'anno scorso.

Un buon prezzo è una delle speranze degli agricoltori per vedersi ripagare i tanti mesi di lavoro e di fatica; l'al­tra è quella del Consorzio di tutela che con i suoi poteri di verifica dovrebbe essere l’arma principale (se non l’unica), per proteggere il pistacchio brontese dalla diffusione del “falso” (per intenderci il pistacchio importato, troppo spesso spacciato per «Pistacchio di Bronte» o mischiato con il prodotto originale).

Il simbolo comunitario del Marchio DOPLa certezza di poter assaggiare il vero "Pistacchio verde di Bronte" si ha solo con l'acquisto di prodotti recanti nell'eti­chetta l'indicazione "Pistacchio di Bronte Dop" (Denominazione di Origine Protetta).

Ma, fateci caso girando fra gli stands, anche durante la Sagra sono veramente pochi i prodotti a base di pistac­chio che recano questa "preziosa" etichetta.

Vi diamo un piccolo consiglio: prima di acquistare qual­cosa cercate i prodotti con l'etichetta Dop.
Vi costerà qualcosa in più ma così premierete i produttori, i tra­sfor­matori ma soprattutto... voi stessi e la vostra gola. [bi]

Le strade di Bronte


Pistacchio di Bronte, ne parlano i media

National Geographic Russia, Academia Barilla, Vita in campagna, Gusto filatelicoIl Turismo Culturale, Vie del gustoGardenia, Oggi, Cote Sud, WwdScoopFamiglia Cristiana, Tuttifrutti, I bucatini di...la Rai

RICERCA IN BRONTEINSIEME.IT

              

Home Page Powered by Associazione Bronte Insieme - Riproduzione riservata anche parziale